L’estate che non c’è…manca luce

Questo luglio si è dimostrato fortemente acquoso. Quello che importa però non è quante volte ha piovuto, ma il fatto che il cielo è stato spesso coperto e nuvoloso determinando uno scarso afflusso di luce. Questo determina un grosso flusso di linfa nei tessuti vegetali rendendoli acquosi e teneri, con frutti poco gustosi ma soprattutto frutta e ortaggi di scarsa conservabilità.
Lo dobbiamo forse a Marte e a Giove che hanno attraversato la costellazione del Cancro?
La costellazione del Cancro è conosciuta dal punto di vista pratico agricolo come la regione da cui partono impulsi di acqua, ma un’acqua troppo intensa che fa marcire, imputridire e deteriorare.
Questo impulso è molto utile per lo sciogliersi di alcune sostanze fortemente dannose e per metabolizzare l’inquinamento per cui possiamo dire che fino ad ora l’impulso meteorologico è stato propizio per un forte disinquinamento.
Tuttavia, se questo può consolarci, dobbiamo far fronte al mondo dei funghi e dei batteri che per quanto riguarda le coltivazioni ci può creare degli ostacoli. Per limitare il propagarsi di questi parassiti fungini occorre ridurre la loro forza riproduttiva e il loro ambito d’azione limitandoli solo al suolo.
Tra le diverse operazioni biodinamiche che possiamo mettere in atto c’è quella di usare il cornosilicio-equiseto. Questo nuovo preparato è un rimedio a base di polvere di silicio (quarzo) e polvere di equisetum arvense che sono state opportunamente elaborate tramite una trasformazione avvenuta l’anno precedente.
L’azione combinata del silicio del quarzo con i composti silicei-sulfurei dell’equiseto hanno un’azione deterrente al propagarsi di funghi e batteri nocivi. Questo preparato va usato con le stesse modalità del 501 avendo cura non solo di irrorare la pianta ma anche il suolo.

2 thoughts on “L’estate che non c’è…manca luce

  1. nicodemo pavan

    ho un frutteto di kiwi da 20 anni biologico vorrei scambiare alcune considerazioni con lei in merito alla batteriosi PSA cordiali saluti e grazie

    Rispondi
    1. admin Autore articolo

      Gentile Nicodemo,
      visto che è un problema che purtroppo riguarda molte persone farò dei post dove potremo confrontarci.
      Cordiali saluti,
      Paolo

      Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *