T.A.I. tecnica di astralità indotta

i-fiori-attirano-gli-insetti-utili-blog-paolopistis

T.A.I. o tecnica di astralità indotta può essere usata in un piccolo orto, in una grande azienda agricola, in ambienti urbani e in qualsiasi luogo dove si voglia aumentare la presenza di insetti utili e pronubi.  È importante non solo valutare la fertilità della terra, ma anche la fertilità dell’aria. Le piante infatti si nutrono anche attraverso la foglia di umidità, di piccole particelle, ma soprattutto di luce e calore.
Possiamo portare degli elementi nutritivi in forma omeopatica nell’aria? Possiamo creare degli impulsi di salute per le nostre piante attraverso l’aria? Ciò è possibile!
Chi ci aiuta in questa operazione sono proprio le api e le farfalle e l’intero mondo degli insetti. In particolare l’ape attraverso il volo rilascia nell’aria piccole tracce del proprio veleno. Nel veleno dell’ape si trova anche acido formico che è in grado di stimolare in forma omeopatica la crescita del mondo vegetale. Le api attraverso il proprio volo raccolgono luce e calore e li distribuiscono sul manto vegetale lungo le loro traiettorie.
L’attitudine istintiva dell’ape al contrario di altri insetti è quella di bottinare un specie per volta. Si tratta di un’attività metodica dell’ape. Sapendo questo si può indurre l’ape a bottinare specie altamente nettarifere e posizionandole in diversi punto degli appezzamenti agricoli guidare il loro volo per portare “fertilità all’aria”.
Ad esempio posizionando delle piante di menta in diversi punti di un frutteto, di un orto o di un giardino, al momento della massima fioritura si potranno osservare le api che si muovono per raccoglierne il nettare passando da una pianta all’altra attraversando le zone che ci possono interessare. Posizionando più piante come appunto menta, timo, rosmarino, salvia o arbusti come nocciolo, biacospino, piracanta o alberi come tiglio, acacia etc. creeremo una fioritura scalare su tutto l’appezzamento o l’organismo agricolo. Indurremo le api ad occupare in modo costante lo “spazio aereo”.
In questo modo attraverso un’adeguata progettazione biodinamica, saremo in grado di fertilizzare o comunque rendere più vivi determinati agroecosistemi.

2 thoughts on “T.A.I. tecnica di astralità indotta

  1. claudio

    mooolto interessante. Quindi si può creare un percorso “preferenziale” piazzando opportunamente pèiù piante della stessa specie, se ho capito bene.

    Rispondi
    1. admin Autore articolo

      Si Claudio hai capito bene, puoi creare delle strade “obbligatorie” o dei corridoi ecologici straordinari, potresti con un po’ di astuzia guidare le api dove vuoi anche per diversi chilometri.

      Rispondi

Rispondi a claudio Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *