Calendario biodinamico

Il calendario biodinamico è uno strumento pratico che sostiene il lavoro agricolo in sintonia con i ritmi naturali. E’ una raccolta di esperienze e fa riferimento alle forze cosmiche in base alle osservazioni astronomiche e non astrologiche in rapporto alla crescita delle piante.
È un campo di indagine in cui l’agronomia convenzionale non ha mai voluto inoltrarsi, in quanto non vi sono i presupposti per una scienza esatta. Il calendario biodinamico infatti non ha valore scientifico ma solo probabilistico, permette cioè solo di avere delle buone probabilità per la buona riuscita di una coltivazione. È un po’ come le previsioni del tempo ovvero le basi sono scientifiche ma la probabilità di una previsione atmosferica rimane ancora con molti margini di errore. Tuttavia seguiamo spesso le previsioni atmosferiche per orientare le nostre scelte, per un viaggio, per una vacanza e anche per una semina. Allo stesso modo prima di una semina, di un trapianto, di una potatura, di una lavorazione del suolo, è bene consultare ed imparare ad usare il calendario biodinamico.
Prima di farlo però è importantissimo ribadire che vi sono delle variabili estremamente importanti a monte del buon risultato del calendario. Ad esempio la percentuale di humus nel suolo, il grado di umidità , l’andamento stagionale, le condizioni atmosferiche, la tempera del suolo, le tecniche agronomiche, la qualità del seme, la tempestività dell’agricoltore vengono molto prima del calendario biodinamico stesso.
Tuttavia dove è possibile poter organizzare per tempo i propri lavori si è vista la grande importanza del corretto uso calendario biodinamico che accentua la qualità degli alimenti e aumenta le produzioni. Trovate di seguito una copia della tabella del mese di Aprile con le indicazioni e i consigli utili. Buon lavoro.

Aprile 2014

La versione integrale e cartacea del calendario è reperibile alla Fondazione Le Madri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *