Il bagno radice biodinamico prima dei trapianti

La radice rappresenta la testa della pianta, il luogo dove la pianta ha la maggior parte dei sensi. La radice è in grado di percepire l’umidità e la presenza dei sali minerali orientandosi particolarmente verso nord, è in grado di percepire le forze di luce, esplora centimetro dopo centimetro il suolo alla ricerca dei sali minerali più nutritivi per lei. Una regola fondamentale per l’agricoltore biodinamico : sviluppare più radice possibile. Un’altra regola fondamentale è : più la radice è sviluppata e più abbiamo piante sane che vanno in cerca dell’acqua e del loro nutrimento. Per incentivare maggiormente quest’attitudine esplorativa intelligente si può fare un bagno radice con i preparati biodinamici, in special modo in primavera sulle piantine da orto e le aromatiche. Nelle radici abbiamo una particolare simbiosi con specifiche flore batteriche e funghi utili (micorizze) capaci di fornire non solo nutrimento ma anche garantire il sistema immunitario della pianta.
In questo caso l‘immersione delle radici del preparato biodinamico 500k favorisce lo stimolo alla crescita del capillizio radicale, mentre il bagno radice con il preparato fladen colloidale contribuisce all’innesco di speciali batteri e micorizze utili, che garantiscono un’ampia forza alla rizosfera.
Il preparato fladen inoltre ad alte concentrazioni permette l’inoculo anche di uova di lombrico che al loro schiudersi forniscono un importante alleato per la crescita delle piante.
Il bagno radice va effettuato secondo particolari dosi e modalità prima dei trapianti e possibilmente rispettando alcuni ritmi cosmici. Gli apparati radicali così accuditi garantiscono piante più sane, con meno esigenze idriche e nutritive. Le radici vive sviluppano particolari campi di forze che agiscono sul suolo e aumentano la loro interazione con l’ambiente circostante. Una radice sana darà piante sane e cibi sani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *