Il miele: gocce di sole

Le api svolgono un’azione preziosa all’interno della natura. Rappresentano un modello che raggiunge alti livelli di perfezione. Sono in grado di impollinare i fiori, sono in grado di stimolare la crescita del mondo vegetale attraverso piccole particelle del proprio apparato ormonale, ci donano il propoli come sostanza disinfettante e antibiotica naturale e ci donano la parte più preziosa che è il miele.
Il miele è un’incredibile sostanza che le api elaborano attraverso la raccolta del nettare che viene ingurgitato e successivamente rigurgitato.
L’ape è l’essere della luce e del calore e nel miele cede la forza della luce e del calore che sono espressione del sole. Quando l’ape è adeguatamente curata, raccoglie il nettare in luoghi incontaminati ed è condotta dalla saggezza di un buon apicoltore biodinamico concentra nel miele tutta la forza del sole.
Il miele viene utilizzato dalle api come proprio alimento per superare il freddo e il buio dell’inverno. Quando a piccole dosi durante il periodo invernale assaggiamo il miele stiamo introducendo nel nostro corpo vitale delle gocce di sole.
Per fare in modo che il “sole” venga maggiormente trattenuto all’interno del miele è importante poter smielare e invasettare in una bella giornata con cielo sereno, senza vento e possibilmente in un giorno con un impulso di calore-frutti.
Quest’ultimo accorgimento in molti casi fa la differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *